Domenica, 22 Aprile 2018

Cosa è un Bot e perché utilizzarlo nella tua strategia di Marketing

Se sei qui, molto probabilmente ti starai chiedendo cosa è un bot, oppure come puoi implementarlo nella tua strategia di business, o ancora se la tua attività ha necessità di un bot.

Allora cerchiamo di rispondere a tutte queste domande.

Innanzitutto cosa è un BOT?

È un programma capace di dialogare con i tuoi utenti al posto tuo, cioè quando tu sei impegnato in altro, attraverso la messaggistica di Facebook e grazie a risposte che tu stesso puoi impostare.

Ti stai chiedendo se il bot è adatto alla tua attività?

Sì, qualsiasi sia la tua attività, qualsiasi attività tu abbia, il bot è qualcosa di ormai necessario per la tua strategia di business.

E ora ti spiego perché:

Vi sarà capitato di ricevere domande ripetitive da parte dei vostri clienti?

Non per niente nei siti web esistono le cosiddette faq.

Ecco, il bot, può essere un modo veloce e simpatico per rispondere al posto tuo alle domande frequenti. In questo modo ne giovi sia tu, perché ti farà risparmiare tempo e risorse, che il tuo cliente, perché avrà subito la risposta senza dover attendere che tu sia online per farlo. Inoltre se qualcuno è interessato al tuo prodotto, servizio, e non riceve in tempi brevi una risposta, molto probabilmente perderà questo interesse e si rivolgerà a qualcun altro.

I bot dunque sono utili come supporto clienti, basta impostare delle parole chiave e poi ti farò vedere come, e le relative risposte.

Ognuno di noi quando si iscrive su Facebook, inserisce determinati dati come il nome, l'età, il sesso, il paese. Tutti questi dati possono essere utilizzati dal bot per segmentare il tuo pubblico e rivolgerti ad esso in modo colloquiale, ad esempio chiamandolo per nome, anche se il nome non te l'ha dato direttamente.

Semplicemente perché il bot prende queste informazioni direttamente da Facebook. Inoltre puoi indirizzare i tuoi messaggi a un determinato pubblico, ad esempio solo alle donne o solo agli uomini. Oppure ancora a una determinata fascia d'età, e ancora puoi, oltre ai dati che ti fornisce già direttamente Facebook, creare e salvare le informazioni che ti interessano, a seconda di come l'utente risponde al tuo bot.

In un sito tutto questo è fattibile facendogli compilare un form. Con un bot invece abbiamo già dei dati che puoi utilizzare perché impostati da egli stesso, e in più hai dei dati che puoi salvare e che dipendono dalla sua interazione, quindi dalle sue stesse risposte.

Hai la possibilità di mandare messaggi broadcast.

I tassi di apertura dei messaggi su Messenger, sono ancora molto alti, arrivano infatti al 90%. I tassi di apertura delle mail, per quanto riguarda il mail marketing, ormai sono scesi al 20 – 30% nella migliore delle ipotesi. Gli utenti infatti hanno alzato delle barriere nei confronti della pubblicità in generale, ma soprattutto nei confronti della pubblicità fatta via mail. Per i bot invece non è ancora così. Ovviamente dovrai utilizzare il tuo bot in modo rispettoso e mai invasivo, perché ricordiamoci che stiamo mandando dei messaggi privati alle persone.

I bot si possono utilizzare per fare retargeting.

Se un utente è già entrato in contatto con il tuo bot, tu puoi mandargli dei messaggi broadcast, per avvisarlo ad esempio di una tua offerta. In questo modo puoi evitare di spendere soldi per il retargeting.

Puoi utilizzarlo per vendere i tuoi prodotti, quindi puoi creare una galleria di prodotti o servizi, e implementare un metodo di pagamento semplice e sicuro. Puoi creare delle sequenze di messaggi per i tuoi funnel di vendita.

Insomma, un sacco di vantaggi da sfruttare appieno per la tua attività, qualsiasi essa sia.

Chatfuel inoltre, è una piattaforma gratuita. Vuoi imparare ad impostare i tuoi bot in modo semplice ed efficace? Clicca qui: www.academy-kairos.it/chatfuel/iscrizione-materiale-gratuito ti invierò 10 lezioni gratuite che ti faranno vedere come si fa. In pochissimo tempo imparerai a programmare il tuo bot evitando errori, anche senza avere nozione di HTML e linguaggi di programmazione. Iniziamo?

 

A presto da Cristina Bot ;)

Commenta questo articolo: